Orsetto in arrivo

lunedì 26 maggio 2008

Quarantotto. Incubi.

Adesso voglio continuare a dormire, anche un sonno senza sogni, meglio sicuramente dell'incubo che mi ha svegliato. Ho preso in mano il gazzettino locale e diceva che forse, QUI, faranno una centrale nucleare. O forse due. Una qui e una a cinquanta chilometri da qui. Ho pensato a uno scherzo. Ma non c'era stato un referendum che...? No, mi sono detta, questo è sicuramente un sogno, anzi un incubo: ho sognato che mi svegliavo e leggevo questa cosa. Però qualcuno mi ha detto che nei sogni è impossibile leggere (argomento che un giorno approfondirò). Vabbé: allora ho sognato di immaginare di leggere che avrebbero fatto una (o due) centrali nucleari, ma non è vero, non può essere vero! Il sogno è mio e lo decido io. Sono tornata a letto. E da due giorni sto sognando di sognare mulini a vento.

5 commenti:

  1. Non è un incubo, è la praticità e la razionale scelta di chi si sveglia tardi e non ha trovato il modo di incamminarsi verso scelte diverse e ti dice che oggi non c'è tempo per il sentimentalismo e l'ambiente, innanzitutto il capitale...i danéeeeee.
    Ma di gente così poco lungimirante ci si può fidare, che tipo di affari ci vengono in mente possa fare gente così..........

    RispondiElimina
  2. Centrali nucleari? Stai tranquilla Lo, non se ne farà niente... solo bolle di sapone.

    RispondiElimina
  3. ciao, lo. anch'io mi sentirei di tranquillizzarti. sul manifesto di ieri, alla pagina Lettere, puoi trovare un contributo a firma di Angelo Baracca. Lo trovi qui: http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/27-Maggio-2008/art57.html

    RispondiElimina
  4. Cioè, ci han fatto prendere un colpo per nulla?
    Meglio così e grazie mille per la segnalazione dell'articolo.

    RispondiElimina
  5. purtroppo no, annalisa. è egualmente spaventoso che vogliano far costruire tutto quello che riusciranno a costruire, con i nostri soldi, sulla nostra terra. e tentando continuamente di coglionarci. senza contare che, una volta terminato il petrolio (diciamo dieci/venti anni), in assenza di energie rinnovabili, l'unica alternativa sarà ritentare di produrre energia con il nucleare.

    RispondiElimina