Orsetto in arrivo

lunedì 20 ottobre 2008

La vita è una scatola di biscotti.

"Hai presente quelle scatole di latta con i biscotti assortiti? Ci sono sempre quelli che ti piacciono e quelli che no. Quando cominci a prendere subito tutti quelli buoni, poi rimangono solo quelli che non ti piacciono. E' quello che penso sempre io nei momenti di crisi. Meglio che mi tolgo questi cattivi di mezzo, poi andrà tutto bene. Perciò la vita è una scatola di biscotti."
Midori in Tokyo blues. Norwegian wood di Haruki Murakami

martedì 7 ottobre 2008

Ordine e caos.

Oggi mi è venuta la mania dell’ordine. Non l’ho mai avuta, e non so perché proprio oggi mi dava fastidio avere le cose in giro. Così mi sono messa a sgobbare di buzzo buono, e pianin pianino ho spolverato, riordinato, rassettato. La cosa più difficile era trovare un posto ad ogni cosa. Insomma io sono una che per esempio mette il telefono dentro l’armadio, le mutande sul tavolo in cucina, le banane dentro i cassetti della scrivania e il pulisci vetri sui mobili della sala (ci pulisco i mobili e poi lo lascio lì come soprammobile). Ecco, sono una fatta così, per cui non era affatto facile trovare un posto per ogni cosa. Ho fatto tante belle scatole e su ognuna ho messo un’etichetta: “scatola dei sogni perduti”, “scatola delle mille fortune”, “scatola dei brutti incontri”, “scatola delle mucche impazzite”, “scatola dei pesciolini morti”, e così via. Adesso sono sfinita e non so se ne è valsa davvero la pena. Mi servirà una casa ordinata? Mah. Chemmenefaccio di una casa senza sorprese, di una vita senza “toh, era qui? Lo cercavo da mesi…”

venerdì 3 ottobre 2008

Cinquantadue. Scusate, mi ero addormentata un attimo.

illustrazione di Valeria Cis
Ieri faceva un caldo insopportabile, e io non avevo niente da fare se non sudare.
Ma non ero l'unica. Sudavano le piante, sudavano i pesci nell'acquario, sudavano persino i mobili, e anche i libri. Mi sono detta: qui, è meglio che non mi muovo, altrimenti mi scioglierò in una brodaglia di grasso e pensieri. Mi sono messa nella posizione del Buddha in meditazione e sono rimasta così, cercando di non pensare a niente, in realtà. Ho fatto il vuoto dentro e mi ci sono accoccolata.
Oggi finalmente ho sentito un po' freschino, e un rumore di pioggia. Ho aperto gli occhi, mi sono scossa la polvere di dosso, ho guardato fuori: toh, è autunno. Le foglie rosse e gialle dei gerani hanno ricoperto il balcone. Il gelsomino si è arrampicato fino al piano di sopra. Le mosche aspettano che apra la finestra. Ho guardato l'acquario: tre pesci e due lumachine, morti, secchi, divorati dagli altri. Almeno credo. Anche se l'idea di ospitare dei pesci cannibali non mi rallegra. 

Ho passato tutta notte a strappare erbacce dalla tastiera del computer.
Poi qualcuno ha bussato.